Articoli

, ,

Abitare poeticamente il mondo

Evento conclusivo  di Ben Venga Maggio organizzato da Festival Internazionale di Poesia di Milano 2021, in collaborazione con il Festival della Letteratura di Milano, nella sua 10° edizione.

29 maggio dalle ore 15
Giardino condiviso di Via Scaldasole – Via Scaldasole 10/12 – Milano

Continua a leggere

, ,

Confinamenti

Letture e lavori di
Serena Rossi, Alina Rizzi, Annitta Di Mineo, Maria Pia Quintavalla, Paolo Pezzaglia, Donato Di Poce, Elisabetta Oneto, Paola Zan

Continua a leggere

, ,

Con la A di Aeroplano

La Poetrice e La Zia Lau

vi raccontano AMELIA EARHART

di e con

Rossana Girotto

Laura Lampugnani

Continua a leggere

, ,

Buon compleanno, Presidente!

Il racconto di una rivoluzione pacifica che ha incantato il mondo

Continua a leggere

, ,

Il coraggio di essere giovani

Un pomeriggio di parole e musica  al Giardino condiviso di Via Scaldasole

8 maggio
Giardino condiviso di Via Scaldasole – Via Scaldasole 10/12 – Milano

Continua a leggere

, ,

Calendimaggio

Calendimaggio, l’antica festa del primo giorno di maggio, che si celebrava inneggiando alla natura in fiore e alla bellezza delle fanciulle, cui veniva offerto, in segno di devozione e di augurio, un ramoscello verde.

Continua a leggere

,

Liturgia (laica) delle parole

,

FIPM 2020 – palinsesto

,

La Poesia, nei giorni della paura

Le parole dicono il mondo e dicono anche l’uomo, ciò che l’uomo vede e sente, ciò che esiste, ciò che è esistito, l’antichità del tempo, il passato e il futuro dell’antichità e dell’attimo, la volontà, l’involontario, il timore e il desiderio di ciò che non esiste, di ciò che sta per esistere.
La poesia è contagiosa”, concludeva Paul Eluard.

Mai come ora, nei tempi bui della disperanza, quel contagio dovrebbe essere universale.

Questo è un invito a tutti i poeti a scrivere sui giorni che stiamo vivendo. Ciascuno a modo suo. In attesa del momento in cui tutto comincerà a diventare storia – la nostra storia – e i nostri scritti, la memoria vivente di una emozione condivisa.

Per 40 giorni pubblicheremo le poesie che ci manderete sulla nostra pagina facebook. Poi, quando le finestre saranno di nuovo spalancate e il rumorio della primavera tornerà a farci innamorare della vita ci troveremo, tutti quanti, a raccontare dove eravamo nei giorni della paura.